Le protesi degli angoli mandibolari.


E’ sempre più frequente la richiesta rivolta ai chirurghi estetici di ridefinizione della linea mandibolare, da parte di uomini che desiderano un aspetto del volto più squadrato.

Questo argomento viene affrontato dal prof Raffaele Rauso, esperto in chirurgia maxillo facciale, attraverso 5 punti chiave dedicati all’utilizzo di protesi agli angoli mandibolari, una tecnica che dà risultati soddisfacenti e definitivi.

1° Key Point: le protesi degli angoli mandibolari vengono posizionati agli angoli della mandibola per andare a colmare un deficit congenito di un paziente che non vuole optare per la chirurgia ortognatica, oppure per ottenere un aspetto più squadrato della mandibola.

2° Key Point: l’intervento di posizionamento delle protesi mandibolari si esegue con delle incisioni all’interno della bocca per non lasciare cicatrici visibili. Nel caso in cui la protesi necessita di essere posizionata con delle viti, sarà presente una piccolissima cicatrice esterna di circa 2 millimetri.

3° Key Point: tela intervento va eseguito in anestesia generale, perché il cavo orale è un’area anatomica particolarmente soggetta a sanguinamento e il sangue potrebbe confluire nelle vie aree. Con l’anestesia generale il paziente è messo al sicuro in caso si verificassero tali inconvenienti.

4° Key Point: è importante che il paziente operato non contragga I muscoli masticatori per qualche settimana. Deve quindi mangiare cibi morbidi e che richiedono una masticazione rapida, al fine di evitare una dislocazione delle protesi causata dal movimento del muscolo. Il prof Rauso consiglia di effettuare qualche giorno prima dell’intervento, delle infiltrazioni di botulino al muscolo massetere per ridurre la contrazione muscolare.

5° Key Point: dopo il posizionamento delle protesi agli angoli mandibolari, sarà presente un importante gonfiore, ma se l’intervento è eseguito al mattino, non è necessaria la notte di degenza in clinica. Il paziente deve sapere e che è assolutamente normale la fuoriuscita di sangue nel post operatorio e che deve mantenere il cavo orale pulito.