Come si esegue una malaroplastica?


malaroplasticaOltre i tradizionali e periodici trattamenti con filler, per definire e aumentare il volume degli zigomi, è possibile, per risultati definitivi, sottoporsi ad un intervento chirurgico, propriamente definito malaroplastica.

L’operazione prevede l’inserimento in sede zigomatica di protesi anatomiche in silicone che consentono di migliorare l’estetica totale del medio facciale. Distinte per taglia e proiezione, la protesi presentano estensioni che simulano il tripode malare e la loro scelta è sempre preventivamente stabilita durante la visita pre operatoria con il paziente.

In sala operatoria, il chirurgo può scegliere tra diverse tecniche di intervento che consentono l’inserimento delle protesi nella zona malare senza ledere necessariamente il tessuto cutaneo esterno. Una prima modalità di accesso è endo-buccale. Attraverso la cavità orale, si effettua un’incisione sulla gengiva tramite cui si realizza una tasca destinata all’alloggiamento della protesi. Questa tecnica è sopratutto prediletta perché consente di nascondere futuri ed eventuali esiti cicatriziali.

In alternativa, il chirurgo può optare per l’accesso trans-palpebrale già noto per le operazioni di blefaroplastica inferore. In questo caso, infatti, l’incisione è praticata in prossimità della palpebra, al di sotto delle ciglia inferiori. In casi particolari è possibile invece procedere all’inserimento delle protesi attraverso un accesso trans-congiuntivale. Il taglio è praticato, con questa tecnica, direttamente all’interno della congiuntiva dell’occhio permettendo così di nascondere eventuali segni cicatriziali esterni.

Infine, per inserire le protesi zigomatiche, l’operazione di malaroplastica può trovare sede anche in corso ad intervento di lifting facciale. Una volta infatti allestito il lembo per distendere i tessuti del viso, è possibile, e più semplice, inserire in contemporanea le protesi in sede zigomatica se ritenuto opportuno. La tecnica di intervento è sempre scelta dopo una accurata e attenta valutazione dello stato tissutale del volto e della zona malare in sede di visita pre operatoria. Stabilire l’elasticità e le altre caratteristiche della pelle consente infatti al chirurgo di scegliere quando e perché optare per una tecnica o per un’altra.

I Dott. Raffaele Rauso e Piefrancesco Bove effettuano trattamenti e interventi estetici per il rimodellamento degli zigomi.