Come scelgo un bravo chirurgo?


bravo chirurgoSe è vero che gli interventi di chirurgia estetica non sono procedure “salvavita”, non bisogna considerare questa branca della chirurgia come meno importante o subordinata alle altre. La maestria, la professionalità e competenza di un bravo chirurgo plastico e/o estetico si rivelano imprescindibili in certe situazioni che richiedono, a completamento di un intervento, una procedura ricostruttiva volta a ripristinare l’armonia estetica.

 

Che si tratti di un evento traumatico, dell’asportazione di un tumore o del ripristino della funzionalità del naso o del palato, il ruolo che riveste il chirurgo plastico/estetico è di cruciale importanza. Ma come orientarsi nella vastissima offerta presente oggi sul mercato? Piccoli accorgimenti possono evitare brutte sorprese.

 

Tanto per cominciare, un professionista serio non si nasconde dietro un’etichetta, ma si presenta con nome e cognome. Il curriculum di chi offre la propria competenza e professionalità deve essere pubblico e consultabile. Esperienze formative all’estero contribuiscono ad accrescere la competenza del chirurgo. Anche la presenza di una valida équipe che affianca il chirurgo è segnale di serietà e competenza, meglio se si tratta di un gruppo che lavora assieme da più anni. I luoghi deputati all’esecuzione degli interventi rivestono anch’essi un’importanza cruciale: la sala operatoria di una clinica è senz’altro preferibile ad un semplice ambulatorio.

 

Un professionista serio si mostra disponibile e comunicativo con i propri pazienti. Effettua un colloquio e una visita preliminare durante i quali valuta come procedere, di comune accordo con il paziente e lo informa su tutto ciò che comporta l’intervento.

 

Infine, e questo vale come discorso generale, occorre diffidare delle offerte speciali, dei 3×2 e dei last minute della bellezza. Un valido professionista non svende la propria competenza e soprattutto sia avvale di ausili medici di grande qualità. Risparmiare sulla salute non è possibile.

 

A Napoli i Dott. Raffaele Rauso e Pierfrancesco Bove, coadiuvati da Domenico Rienzo e dalla personal assistants Mariarita Amore, collaborano con un’ottima sinergia per seguirvi passo dopo passo nel vostro cammino verso la bellezza.

Mastoplastica additiva


mastoplastica-additivaFin dai suoi esordi, la chirurgia estetica si è affermata soprattutto in ambito femminile. L’intervento simbolo di questa branca della chirurgia è da sempre la mastoplastica additiva ovvero l’aumento del volume del seno di una o più taglie. Negli anni 90 impazzava la moda dei seni alla Pamela Anderson, protagonista della nota serie Bay Watch. Le sue immagini hanno fatto il giro del mondo colpendo non solo gli individui di sesso maschile, ma anche molte donne. In tante infatti hanno richiesto un aumento del seno, talvolta esagerando.

 

Ma si sa, le mode e i gusti cambiano. Oggi, sebbene la mastoplastica additiva si affermi comunque come l’intervento più eseguito, il trend è quello di modellare i seni seguendo criteri di maggiore sobrietà ed eleganza. Seni più piccoli, dunque, e di forma più naturale.

 

Ad essersi evoluto non è stato solo il gusto. Le tecniche operatorie, ma soprattutto la qualità e varietà dei materiali oggi consentono davvero di ottenere risultati incredibilmente naturali. Protesi realizzate con materiali sempre più sicuri e compatibili con l’organismo, ma anche di forme diverse per adattarsi meglio ad ogni singola esigenza.

 

 

L’intervento di mastoplastica additiva si esegue in tempi brevi e prevede un recupero post-operatorio molto rapido. Una visita preliminare è necessaria affinché il chirurgo possa valutare assieme alla paziente l’entità dell’aumento di volume da realizzare. E’ opportuno infatti prendere in considerazione una serie di parametri fisici quali ad esempio altezza, proiezione dei glutei, larghezza delle spalle e corporatura in generale.

 

L’intervento di mastoplastica additiva riveste un ruolo chiave nella ricostruzione del seno in seguito a traumi o asportazioni di tumori della mammella. Il seno è un imprescindibile elemento di femminilità e qualora all’improvviso, a causa di eventi esterni, ci si dovesse trovare a vedere il proprio modificato o mutilato, il disagio da fisico diverrebbe anche emotivo.

 

I Dott. Raffaele Rauso e Pierfrancesco Bove a Napoli eseguono interventi di mastoplastica additiva, sapendoti consigliare verso la scelta che si adatta maggiormente alla tua figura.

Cosa non amo di me


cosa non amo di meChi può dire con certezza di piacersi così come si è? La stragrande maggioranza degli individui, in particolar modo le donne, lamentano una sorta di insoddisfazione nei confronti del proprio aspetto, che sia esso riferito all’insieme o ad un singolo particolare del viso o del corpo.

 

La causa scatenante di tutto ciò non è nota con certezza, ma il confronto quotidiano con altri individui o il solo paragonarsi ai personaggi presenti sulle riviste o che appaiono in televisione finisce per sottoporre se stessi ad un continuo giudizio critico.

 

Ma cos’è che le donne non apprezzano del proprio aspetto? In base alle richieste degli ultimi anni registrate nell’ambito della chirurgia e medicina estetica, le parti del corpo che necessitano di un rimodellamento sembrano essere quelle maggiormente legate alla femminilità e alla sensualità.

 

La mastoplastica additiva risulta essere l’intervento più richiesto dalle donne ad ogni latitudine, questo a dimostrazione di quanto il seno rappresenti un imprescindibile elemento di femminilità. Liposcultura e liposuzione sono altresì interventi molto diffusi. Geneticamente le donne tendono ad accumulare adipe nella zona dei fianchi e delle cosce, con conseguente appesantimento della figura e a scapito dell’armonia estetica generale. L’addome è un altro punto debole di molti individui (sia di sesso maschile che femminile), infatti l‘addominoplastica si afferma tra gli interventi più richiesti nell’ambito della chirurgia estetica maschile. Per le signore, eventi quali gravidanza o aumenti ponderali seguiti, ad esempio, da robusti dimagrimenti, rappresentano la premessa alla futura presenza dell’antiestetica pancetta.

 

Per quanto riguarda il viso, spesso le donne non sono pienamente contente delle loro labbra. Le desiderano più carnose e dotate di maggior volume. L’utilizzo di filler sta infatti crescendo di anno in anno, grazie anche al perfezionamento delle tecniche e dei materiali utilizzati, che rendono questi trattamenti sicuri e capaci di sortire ottimi risultati.

 

Per qualsiasi desiderio di bellezza, sia esso dettato dall’insoddisfazione o dalla semplice voglia di apparire al meglio, chirurgia e medicina estetica mettono oggi a disposizione una vasta gamma di interventi e trattamenti rapidi e sicuri, per far sì che essere più belli non rappresenti un miraggio irraggiungibile, ma un obiettivo realizzabile.

 

L’équipe dei Dott. Raffaele Rauso, Pierfrancesco Bove e Domenico Rienzo in qualità di anestesista, coadiuvati dalle personal assistants Maria Rita Amoreo, è in grado di realizzare a Napoli il tuo sogno di bellezza.