Mastoplastica Additiva (Aumento del seno)

L’intervento di mastoplastica additiva consiste nell’aumento del volume del seno. Il seno è appunto un elemento cruciale nella fisicità di una donna e contribuisce a conferire femminilità e ad apparire più attraenti. Non a caso l’aumento di volume del seno è tra gli interventi maggiormente richiesti. Possedere un seno prosperoso può determinare maggiore stima si sé, al contrario, invece, apparire piatta e senza forme voluttuose può determinare un senso di inadeguatezza tale da costituire un limite. Molte donne provano imbarazzo a mostrarsi in bikini o a condividere lo spogliatoio dopo la palestra proprio perché soffrono del confronto con atre donne più formose.

Candidati ideali

L’aumento di volume del seno non è prerogativa delle sole donne. In tutti i percorsi di cambio di sesso, oltre alla componente psicologica (la più importante) bisogna eseguire una serie di interventi tra cui (nella transizione da uomo a donna) l’aumento di volume del seno. Un intervento di questo tipo si adatta comunque alle donne che desiderano un seno più pieno sia perché partono da una taglia molto piccola, sia in quei casi in cui ci si ritrova con un seno svuotato (magari in seguito ad eventi quali robusti dimagrimenti o allattamento naturale).

Prima dell’intervento

La visita preliminare per la mastoplastica additiva consiste nella valutazione da parte del chirurgo di ciò di cui ha bisogno la paziente. E’ molto importante cercare di capire quali sono i desideri di chi si sottopone a tale intervento, offrire consigli e spiegare il procedimento che verrà utilizzato nonché il tipo di protesi e cosa aspettarsi nei mesi successivi. Una giusta consapevolezza costituisce un aspetto importante del processo e contribuisce a non incorrere in delusioni una volta portato a termine il lavoro.

L’intervento

Per aumentare il volume del seno si può intervenire in vario modo. La tecnica più diffusa e consolidata consiste nell’inserimento di protesi con involucro in silicone e contenenti silicone coeso (in Europa è vietato quello in forma liquida). Le protesi si differenziano in

  • anatomiche: si tratta di protesi con una forma a goccia che conferiscono al seno un aspetto più naturale.
  • tonde: la cui forma è appunto tonda, ovvero con un’altezza uguale alla larghezza. Esse si adattano molto bene a un seno la cui ghiandola mammaria è ben conformata. L’aumento di volume con queste protesi dà un effetto omogeneo al seno, il quale appare ben riempito.

La protesi viene inserita in una tasca al di sotto della ghiandola mammaria o al di sotto della parte muscolare. La scelta dell’alloggiamento della protesi è dettata da fattori diversi tra i quali la quantità di cute e grasso sovrastanti. Essi devono essere sufficienti ad offrire una buona copertura alla protesi innestata. Il posizionamento sotto-muscolare è di norma quello che offre un risultato più soddisfacente poiché nasconde meglio la protesi e al tatto il seno appare più morbido e naturale. Un’ulteriore vantaggio offerto dal posizionamento sotto-muscolare è rappresentato dalla possibilità in un futuro di eseguire esami specifici, quali ad esempio la mammografia, senza alcun problema. Le via d’accesso per l’inserimento della protesi sono tre. Si effettua un’incisione nel cavo ascellare, sotto l’areola del capezzolo o nel solco mammario e si inserisce la protesi. La scelta del luogo su cui praticare l’incisione rappresenta un momento importante di tutto il processo, poiché una cicatrice mal posizionata potrebbe essere sgradevolmente visibile dopo l’intervento. Sebbene l’accesso ascellare appare inizialmente il migliore, va detto che la naturale ptosi di pochi mm che interessa il seno crea il luogo ideale in cui nascondere una cicatrice fatta lungo il solco sotto mammario, sebbene vada tenuta in considerazione la posizione che il seno avrà dopo l’intervento e non l’altezza del solco prima di esso. Anche l’accesso periareolare si dimostra molto valido in quanto il capezzolo stesso non è mai uniforme e la colorazione tende a sfumare in periferia, piuttosto che terminare di netto, quindi nasconde una cicatrice in modo eccellente.
L’intervento, se realizzato da un professionista, richiede un tempo di esecuzione di circa 60 minuti, in sedazione anestesiologica assistita e senza ricorrere all’anestesia generale.

Degenza e post-operatorio

Gli enormi progressi nel campo della chirurgia estetica consentono di effettuare la mastoplastica additiva senza grossi traumi e consentendo recuperi molto celeri. Le pazienti generalmente non lamentano dolore subito dopo l’intervento e sono libere di tornare a casa entro poche ore. In seguito vanno osservati alcuni, piuttosto scomodi, accorgimenti che però si rivelano necessari per la buona riuscita dell’intervento nel suo complesso. La paziente deve indossare un reggiseno contenitivo senza ferretto e una fasciatura per almeno 3 settimane (24 ore su 24). Successivamente, solo nelle ore notturne. A parte questo, le normali attività possono essere riprese già a distanza di uno o due giorni. E’ invece opportuno astenersi dall’attività fisica, soprattutto se coinvolge gli arti superiori, per almeno un mese. E’ molto importante restare in contatto con il chirurgo o con uno dei suoi assistenti nelle fasi successive all’intervento per monitorare la situazione post-operatoria ed essere certi che tutto si stia svolgendo nella maniera corretta.

Risultati

In seguito a mastoplastica additiva il seno appare visibilmente riempito, turgido e tonico. Vi sarà grande soddisfazione nell’indossare un bikini o anche solo un semplice abito. Sicurezza di sé e autostima si impenneranno da subito nel post operatorio e ogni occasione sarà buona per sfoggiare il nuovo decolleté.

L’equipe italiana di chirurgia della bellezza® esegue questo intervento di chirurgia plastica estetica di mastoplastica additiva nelle sedi delle città e provincia di: Milano, Roma, Napoli, Caserta, Salerno, Bari, Lecce.


IMMAGINE TRATTAMENTO: Mastoplastica Additiva (Aumento del seno)


Intervento di Mastoplastica Additiva a Salerno di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Caserta di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Avellino di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Napoli di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Firenze di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Milano di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Salerno di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Caserta di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Avellino di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Benevento di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Napoli di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Firenze di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Milano di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Mastoplastica Additiva a Salerno di Chirurgia della Bellezza
mastoplastica additiva

Altri trattamenti della categoria

>>Ginecomastia

>>Lipofilling mammario

>>Mastopessi (Lifting del seno)

>>Ricostruzione Mammaria

>>Mastoplastica Riduttiva

DESIDERI UNA CONSULENZA?

Compila il form e ti ricontatteremo in breve tempo.


Il tuo messaggio

Informativa ai sensi dell'Art. 13 d.lgs n. 196 del 30 Giugno 2003 sulla tutela dei dati personali. Leggi le condizioni sulla Privacy

INFORMAZIONI SU

Mastoplastica Additiva (Aumento del seno)

  • anestesia

    Locale con sedazione

  • degenza clinica

    L’intervento generalmente viene eseguito in Day Surgery (ci si opera al mattino e si viene dimessi nel tardo pomeriggio); in alcuni casi può essere consigliata una notte di degenza.

  • degenza domiciliare

    Sono consigliati, dopo la dimissione, 3 giorni di riposo.

  • drenaggi

    Si, vengono rimossi il giorno successivo all’intervento, talvolta dopo 48h.

  • medicazioni

    La paziente indosserà subito dopo l’intervento un reggiseno contentivo senza ferretto (modello Criss Cross Playtex; triumph, etc.), ed una fascia che comprime il seno dall’alto verso il basso per circa 1 mese. A seguire, la stessa compressione verrà effettuata per un altro mese soltanto durante le ore notturne.

  • ripresa lavoro

    Generalmente dopo 3 giorni si é tranquillamente in grado di riprendere lavori d'ufficio o lavori che non comportino particolari sforzi fisici. Vietato guidare e fare sforzi di ogni tipo con gli arti superiori (braccia) per circa 7 giorni, a seguire si provvederà ad una progressiva ripresa della propria vita sociale.

  • ripresa sport

    Dopo almeno 40 giorni dall’intervento.

  • finanziabile

    Si

  • altro

    Nei casi di sostituzione protesi i drenaggi vengono lasciati in loco per 48h-56h. Non esporsi al sole per almeno 40 giorni dopo l’intervento.

Video Mastoplastica Riduttiva