Addominoplastica

L’addominoplastica è uno dei 5 interventi più richiesti al mondo. Essa consiste esattamente nella riduzione di cute e tessuto adiposo nella zona addominale qualora sia presente un eccesso di pelle, talvolta di tale entità  da creare il cosiddetto grembiule addominale.

Il candidato ideale per un intervento di addominoplastica

L’intervento di addominoplastica è consigliato in tutti quei casi in cui il soggetto presenti un addome estremamente flaccido o un eccesso di cute dovuto, ad esempio, ad un robusto dimagrimento oppure in seguito ad un evento quale la gravidanza. Per effetto di questi eventi, infatti, il corpo appare sformato, il girovita scompare e persino un semplice gesto quale indossare un capo d’abbigliamento può risultare fastidioso. Inoltre, le pieghe presenti sull’addome diventano dei veri e propri solchi dove spesso si annidano batteri e sudore, provocando fastidiose irritazioni. Il ricorso all’addominoplastica si rende necessario a causa della natura stessa del problema, che non risulta mai risolvibile con l’ausilio di diete o attività sportiva.

Prima di sottoporsi all’intervento

Molto importante prima di sottoporsi ad un intervento di addominoplastica è il consulto pre-operatorio. Si tratta infatti di un intervento la cui riuscita è spesso determinata dalle condizioni di partenza del paziente. Il medico, oltre a prescrivere esami clinici specifici, valuterà la quantità e qualità della pelle in eccesso, del grasso presente e l’eventuale rilevazione di ernie (che potranno essere ridotte contestualmente allo svolgimento dell’intervento). E’ inoltre importante discutere con il paziente circa le aspettative e i risultati attesi.

L’intervento

Dal punto di vista tecnico, l’addominoplastica è un intervento praticato spesso ricorrendo all’anestesia epidurale, magari accompagnata alla sedazione del paziente. A volte può essere però praticata l’anestesia generale. Sull’addome vengono praticate alcune incisioni per scollare la pelle e il grasso dalla parete muscolare. Il tessuto cutaneo in eccesso viene asportato e poi ricucito in modo tale da essere ben teso. Per essere più precisi, vengono effettuate di norma 2 incisioni, di cui una nella zona al di sopra del pube (grossomodo nel punto in cui si incide per effettuare un cesareo) e un’altra vicino all’ombelico. Qualora ve ne fosse necessità, è appunto prevista la trasposizione ombelicale ovvero il riposizionamento dell’ombelico in posizione idonea. L’addominoplastica può essere effettuata sia sulla zona al di sopra dell’ombelico che al di sotto di esso. Se i muscoli appaiono oltremodo rilassati, si può intervenire con delle suture al fine di renderli più tesi. Le cicatrici residue sono generalmente posizionate leggermente al di sopra della zona pubica, quindi  risultano coperte dagli slip o dal costume se si è al mare.

Addominoplastica e mini-addominoplastica

Rispetto all’intervento descritto, ne esiste anche una versione, per così dire, ridotta ovvero la mini addominoplastica. Tale intervento prevede una sola incisione, esclusivamente al di sotto dell’ombelico, ovvero nella zona tra ombelico e pube. In questo caso la pelle viene riportata alla tensione desiderata e l’eccesso asportato. Per la mini-addominoplastica può essere sufficiente un tipo di anestesia loco-regionale con sedazione.

Degenza e post-operatorio

Per l’intervento di addominoplastica è consigliabile almeno una notte di degenza. Qualora durante l’intervento vi fosse stata la necessitò di ridurre una o più ernie, è consigliabile un ricovero di più giorni. Alla fine dell’intervento, oltre ai punti di sutura che verranno rimossi entro una decina di giorni, vengono inseriti tubicini per il drenaggio, da rimuovere di norma dopo un paio di giorni dall’intervento. Gonfiore ed ematomi fanno parte del normale decorso post-operatorio. Generalmente nell’arco di due settimane regrediscono fino a sparire del tutto entro un paio di mesi dall’intervento. Per un certo periodo è consigliabile indossare una guaina contenitiva e comunque occorre un periodo di astensione dall’attività lavorativa (circa una settimana) e da quella sportiva (almeno due mesi). Le cicatrici dovute all’intervento possono essere agevolate nel loro processo di guarigione mediante l’applicazione di pomate specifiche, che evitano l’insorgenza di cheloidi. Una cicatrice non dovrebbe infatti presentare ispessimenti e zone dure, ma essere di un colore simile al resto della cute ed essere morbida al tatto. Buona norma è altresì quella di evitare l’esposizione al sole per i primi mesi dall’intervento.

I risultati dell’addominoplastica

Un intervento di addominoplastica conferisce all’addome tono e aspetto piatto, senza pieghe e possibilmente privo di smagliature. Gli effetti hanno una durata molto estesa nel tempo, salvo il manifestarsi delle condizioni che hanno reso l’intervento necessario in precedenza.

L’equipe italiana di chirurgia della bellezza® esegue questo intervento di chirurgia plastica estetica l’addominoplastica nelle sedi delle città e provincia di: Milano, Roma, Napoli, Caserta, Salerno, Bari, Lecce.


IMMAGINE TRATTAMENTO: Addominoplastica


Intervento di Addominoplastica a Salerno di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Caserta di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Avellino di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Benevento di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Napoli di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Firenze di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Milano di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Salerno di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Caserta di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Napoli di Chirurgia della Bellezza
Intervento di Addominoplastica a Milano di Chirurgia della Bellezza
Addominoplastica Front
addominoplastica e ginecomastia
intervento addominoplastica

Altri trattamenti della categoria

>>Protesi dei polpacci

>>Wedding Surgery

>>Lifting delle braccia

>>Lifting delle cosce

>>Liposcultura

>>Mesoterapia anticellulite con Alidya®

>>Mommy makeover

>>Ninfomeiosi

>>Gluteoplastica

>>Chirurgia dell’obesità

DESIDERI UNA CONSULENZA?

Compila il form e ti ricontatteremo in breve tempo.


Il tuo messaggio

Informativa ai sensi dell'Art. 13 d.lgs n. 196 del 30 Giugno 2003 sulla tutela dei dati personali. Leggi le condizioni sulla Privacy

INFORMAZIONI SU

Addominoplastica

  • anestesia

    Locale con sedazione

  • degenza clinica

    E’ richiesta 1 notte di degenza.

  • degenza domiciliare

    Sono consigliati, dopo la dimissione, 3 giorni di riposo.

  • drenaggi

    Si, vengono rimossi dopo 3-5 giorni.

  • medicazioni

    Per 4 giorni, fino alla rimozione dei drenaggi, viene lasciata una medicazione confezionata dal chirurgo in sala operatoria, poi per 7 giorni, 24h/24h, il paziente deve indossare una guaina compressiva. Successivamente l’uso della guaina verrà progressivamente ridotto, in circa 3 settimane. A seguire dovrà essere indossata per 1 mese durante le ore notturne.

  • ripresa lavoro

    Dopo circa 7-10 giorni per lavori d’ufficio o che non richiedano particolari sforzi; dopo circa 4 settimane per lavori pesanti.

  • ripresa sport

    Dopo circa 40 giorni.

  • finanziabile

    Si

  • altro

    E’ possibile la comparsa di lividi sulle aree trattate, che generalmente si risolvono in 5-15 giorni. Dopo circa 1 mese dall’intervento il paziente deve sottoporsi a sedute bisettimanali (per circa un mese) di massaggi linfodrenanti e/o manipolazioni del corpo per evitare eventuali comparse di depressioni e/o avvallamenti. Non esporsi al sole per almeno 40 giorni dopo l’intervento.

Video Chirurgia dell’obesità